Gutta cavat lapidem” dicevano i latini, “la goccia scava la roccia”, una metafora per ricordare quanto la perseveranza, se coltivata nel tempo, possa raggiungere risultati agli inizi inimmaginabili. Claudio Stea, classe 1980, nonostante la giovane età può vantare alle spalle quasi trent’anni votati alla dea Musica.

Ad accompagnarlo nel suo percorso artistico e umano l’inseparabile pianoforte, naturale estensione delle corde della sua anima, al cui studio il musicista e compositore barese si è avvicinato da bambino, perfezionando la sua tecnica sotto la guida di noti maestri della scena locale e sulla scorta del suo sentire.

Claudio Stea è una di quelle gocce che è riuscita a scavarsi un percorso “degno di nota” nel solco della musica, con costanza e devozione. Non sembra un caso che la cover del suo terzo album, “e v o L”, edito nel 2015, riporti in primo piano una goccia d’acqua adagiata sulla roccia, quasi a sottolineare il suo instancabile impegno nel raggiungimento della maturità artistica.

Ma non si limitano alla copertina del disco i molteplici riferimenti seminati dal pianista nel suo terzo progetto discografico.

Il titolo stesso è pregno di svariate sfumature di significato. “e v o L” come “evoluzione”, quella affrontata magistralmente nel corso dei circa tre anni in cui Claudio Stea ha realizzato le 15 composizioni contenute nell’album, dal 2012 al 2015.

e v o L”  intesa anche come  parola  bifronte  che, vista allo specchio, si legge     “L o v e ”, quello stesso amore con cui si è votato devotamente alla musica.

Le composizioni al pianoforte di “e v o L” vibrano nell’aere ricreando atmosfere rarefatte, quasi sospese nel tempo e nello spazio, tra il mito e la realtà; sono i segni tangibili di un mondo rovesciato, in cui si possa imparare a guardare con gli occhi dell’anima e ad ascoltare con le orecchie dello spirito. “Fotografie”, come definite dallo stesso Stea, di un periodo di crescita e cambiamenti.

Brani delicati e vivaci, leggiadri ed intensi, tenui e dinamici che raccontano, come i tasselli di un mosaico, una storia fatta di melodie ed armonie tra i quali si innestano, di tanto in tanto, i suoni evocativi della natura, come le onde del mare che si infrangono sulla battigia.

Claudio Stea ha scelto il 29 luglio 2015 come data di uscita del disco, lo stesso giorno in cui l’artista ha festeggiato i suoi trentacinque anni. Una decisione probabilmente volta a rimarcare la rinascita che “e v o L” segna nella sua evoluzione musicale e personale.

Che “la goccia” conservi la sua perseveranza e scavi ancora passaggi verso nuovi obiettivi.

14 brani racchiusi in un’opera variegata, che vede la luce dopo 3 anni dall’ultimo lavoro discografico.

  1. New life
  2. Il sogno dell’airone
  3. La terza vita
  4. Lullaby
  5. Fulmini sul Tamigi
  6. Sunlight
  7. To you
  8. Occhi di ardesia
  9. La marcia dell’anaconda
  10. evoL
  11. Il mondo di Alis
  12. La ballata del soldato triste
  13. La lucciola sul faro
  14. Lo sguardo di Elide
  15. La danza della dea Calypso

Si ringrazia per la produzione della recenzione LSD MAGAZINE di Michele Traversa

– Testo di Maria Siria Cavallo

Official Video

La lucciola sul faro – (videoclip 2)

e v o L – Singol vinil promo

La terza vita – Palazzo Fizzarotti

New Life

To you

Lullaby

Il mondo di Alis

La ballata del soldato triste

La marcia dell’anaconda

La danza della dea Calypso

La terza vita

Il sogno dell’airone

Lo sguardo di Elide

Occhi di ardesia

evoL

La Lucciola sul faro

Fulmini sul Tamigi

Articoli correlati

Intervista televisiva sul disco “e v o L” – Antenna Sud

evolTour’16 – Auditorium Masih di Bari

e v o L i v e 2 0 1 5 – Il DVD ufficiale del tour

Presentazione disco e v o L su Radio Bari

Esibizione al pianoforte durante la presentazione del nuovo libro di Gianrico Carofiglio.

e v o L i v e 2015/2016 ( T o u r d a t e s)

e v o L

Artist :
Title : e v o L
Release Date : 29 Luglio 2015
Label :
Format : CD